top of page

Essere sottopeso: conseguenze psicologiche, fisiche, sociali

Aggiornamento: 13 feb


ragazza triste a dieta restrittiva sottopeso

Quali sono gli effetti del sottopeso da restrizione calorica?


Ipoalimentarsi, ovvero mangiare troppo poco, sottoporsi a dieta ferrea, che conseguenze ha sulla nostra psiche, sul nostro corpo e sulla socializzazione?


In questo blogpost e nel video che trovi al fondo userò la parola "sottopeso" per intendere la condizione patologica in cui ci si può trovare a seguito di una restrizione calorica e non semplicemente dal numero che risulta dal calcolo BMI o indice di massa corporea (per avere maggiori informazioni sul concetto del BMI o indice di massa corporea e della classificazione per peso in sottopeso normopeso sovrappeso e obesità puoi guardare questo video ).

Essere sottopeso non significa necessariamente soffrire di disturbi alimentari come anoressia nervosa, bulimia nervosa e disturbo evitante restrittivo. Essere sottopeso può dipendere anche da condizioni fisiche, psicologiche e emotive non riconducibili ad un disturbo dell'alimentazione e della nutrizione.


Adesso che sai che cosa intenderò in questo video con la parola sottopeso possiamo iniziare a parlare di quali sono le conseguenze e gli effetti negativi della condizione di sottopeso da restrizione calorica.


(Se vuoi vedere il video invece che leggere, puoi farlo cliccando qui sotto).



Gli effetti psicologici del sottopeso da restrizione calorica


Possiamo osservare delle variazioni molto importanti nelle persone sul pensiero, sulle emozioni e sui comportamenti quando si adottano una restrizione calorica ovvero ci si alimenta molto meno di quello di cui il nostro corpo ha bisogno. Il primo effetto è quello sul pensiero, si verifica una certa rigidità del pensiero, il pensiero tende a diventare inflessibile, è molto difficile mettere in discussione alcune convinzioni, ci sono degli schemi rigidi di ragionamento quindi immaginiamo quando si va a ragionare su cibo, sul corpo o su altre convinzioni. Spesso non è possibile neanche iniziare la psicoterapia se la persona non decide di rialimentarsi perché il nostro cervello ha tanto bisogno di energia per funzionare e il carburante che ce la fornisce è proprio il cibo. L'ipoalimentazione causa anche una scarsa concentrazione nel senso che la danneggia perché i pensieri ricorrenti sul cibo, sul peso, sul corpo interferiscono con la vita della persona, come l'attività di studio o l'attività lavorativa. Inoltre questa rigidità rende difficile passare velocemente da un argomento all'altro, rende molto confusi e rigidi, mette in difficoltà nel momento in cui bisogna prendere delle decisioni. Questo pensiero rigido porta anche a comportamenti rigidi tant'è vero che si osserva un'ossessività intensificata sia nelle abitudini che diventano molto rituali sia a volte in accumulo di oggetti piuttosto che una fissazione sull'ordine o sulla pulizia e una certa cerimonialità durante i pasti.


Si può notare il comportamento alimentare delle persone che rallenta nel momento dei pasti, a volte c'è proprio un rituale in cui si deve preparare il piatto e un rituale in cui il singolo pezzettino di carne ad esempio viene suddiviso e viene masticato in un modo molto lento. Riguardo all'irrigidimento del pensiero e del comportamento le persone che soffrono di questa condizione da tanto tempo iniziano a pensare che sia proprio la loro personalità ad essere così rigida, inflessibile e irascibile mentre invece questi sono proprio gli effetti del sottopeso e la personalità viene mascherata da questi effetti.


minicorso gratuito contro abbuffate e bulimia

Ho visto molte donne completamente diverse riguardo a questo aspetto della personalità della rigidità o dell'ossessività quando erano affette da questa condizione e quando poi sono guarite se ne sono liberate. Anche questo aspetto dell'essere poco spontanee cambia in modo sostanziale e le persone tornano ad esprimersi nel modo più bello della loro personalità. Recuperando un peso corporeo adeguato le ossessioni per il cibo e le ossessioni per il corpo diminuiscono gradualmente.


Proseguendo nell'articolo vedrai tutti gli altri rischi dell'essere sottopeso e se stavi cercando informazioni su come diventare sottopeso o come essere leggermente sottopeso spero di riuscire a dissuaderti.


Gli effetti negativi del sottopeso sulla capacità di gestire le emozioni


Un altro effetto è sulla parte emotiva: il sottopeso da ipoalimentazione porta ad un abbassamento dell'umore, le persone diventano piuttosto negative e pessimiste, in particolare diventano più irritabili, quindi si arrabbiano più facilmente. Quando noi esseri umani siamo affamati non possiamo di sicuro essere calmi e facciamo molta più fatica ad utilizzare la parte razionale del cervello.


Gli svantaggi del sottopeso e della restrizione dietetica sulla socializzazione


Le persone che vivono in questa condizione di restrizione calorica iniziano ad essere molto introspettivi e focalizzati su di sé, sulle proprie necessità e sui propri bisogni, fanno molta fatica ad accettare i bisogni dell'altro e ad andargli incontro. Tutto questo induce ad avere un grandissimo bisogno di prevedibilità, di ritualità, si fa molta fatica ad essere spontanei e tante volte la conseguenza è proprio il ritiro sociale, l'evitamento delle situazioni sociali soprattutto quelle in cui è richiesto di consumare del cibo. Anche a causa di grandi stravolgimenti ormonali inizia anche ad esserci una perdita del desiderio sessuale che porta ancora di più all'isolamento e alla perdita di relazioni affettive o sentimentali.


Le conseguenze fisiche del sottopeso da restrizione calorica


Altri effetti molto significativi del sottopeso da restrizione calorica sono quelli fisici, sono veramente molto importanti e possono essere letali e portare alla morte. Innanzitutto c'è una compromissione del cuore e del sistema cardiocircolatorio, c'è una perdita della massa del muscolo cardiaco, una diminuzione della pressione che può portare anche ad aritmie e nei casi più gravi anche ad arresto cardiaco. C'è una minore produzione degli ormoni sessuali che protratta nel tempo può portare a sterilità, a livello del nostro scheletro, le ossa, il materiale con cui sono fatte le ossa si deteriora e si può andare incontro ad osteoporosi e a fratture. Anche a livello dei nostri organi ci sono delle conseguenze: per esempio l'attività del nostro intestino rallenta molto, l'ipoalimentazione manda un messaggio al nostro corpo di carestia e quindi di trattenere più a lungo possibile quel poco cibo che viene ingerito: questo amplifica la sensazione di pienezza che le persone sottopeso solitamente avvertono anche se mangiano pochissimo. Viene sicuramente danneggiato anche il senso del gusto, i nostri muscoli perdono massa muscolare e quindi fanno più fatica anche a reggere il nostro scheletro, la pelle e i capelli possono essere danneggiati, a volte c'è una perdita o una rarefazione dei capelli, la nostra pelle può sembrare visibilmente più invecchiata, disidratata e si può sviluppare anche una specie di peluria su viso, su addome, braccia e schiena sia come conseguenza del cambiamento ormonale ma anche della temperatura corporea che inizia a diventare sempre più bassa quindi le persone solitamente hanno freddo, soprattutto alle estremità del corpo, mani e piedi per esempio. Anche il sonno viene compromesso: non si dorme, non ci si riposa molto bene quando il corpo è in uno stato di fame ed è per questo che molte volte ci si sveglia all'alba e non si riesce più a dormire.


In questo articolo ho illustrato i principali effetti psicologici, sociali e fisici del sottopeso derivante da restrizione calorica, ma ve ne sono di secondari e personali.


Se ti trovi in questa condizione sappi che uno psicologo psicoterapeuta specializzato in disturbi dell'alimentazione è la figura più adatta a cui rivolgerti perchè si coordinerà con altri professionisti per offrirti tutto ciò di cui hai bisogno.


E se vuoi che sia io a prenderti in terapia puoi consultare il mio percorso di psicoterapia contro i disturbi alimentari e prenotare la prima seduta direttamente con me cliccando qui sotto:


Per le sedute in studio a Milano:

Oppure per le sedute online:


Se hai domande non esistare a commentare qui sotto, sarò felice di risponderti.


Zaira Salemi

Psicologa Psicoterapeuta

Creatrice del Metodo Fiorisci: libera dal cibo e felice


3.050 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentarios


bottom of page