Che colpa ho, papà?

Che colpa ho, papà?

#pernondimenticare #giornatadellamemoria #shoa #olocausto


Sami è un bambino di 8 anni, va alla scuola italiana in Germania, la scuola gli piace molto, è bravo, è ebreo, altri compagni sono cristiani, altri musulmani, altri ortodossi, il suo maestro gli vuole bene, così come ai suoi compagni.


shoah

Una mattina arriva a scuola e il maestro lo chiama, in viso è cupo, preoccupato. Sami pensa che sarà interrogato e invece il maestro a bassa voce, per non far sentire agli altri bambini, gli dice "Sei espulso dalla scuola". Sami scoppia in lacrime. Perché? Cosa ho fatto? "Non hai fatto niente - dice il maestro asciugandogli il viso con le sue mani, molto dispiaciuto - vai a casa, il tuo papà ti spiegherà." Era il 1933, erano le leggi razziali. È in questo momento che è stata uccisa la felicità, la spensieratezza di Sami. Poi verrà tutto l'orrore. "Papà, ma qual'è la mia colpa per essere nato ebreo?".

Dalla testimonianza di Sami Modiano, superstite di Auschwitz e Birkenau.


Raccontiamo queste storie ai nostri figli, adeguandole alla loro età, perché ciò non si ripeta, perché la memoria venga tramandata, perché capiscano l'ingiustizia e la sofferenza nell'allontanare un bambino perché ha la pelle di un altro colore, o è di un'altra religione, o parla un'altra lingua, o è disabile, autistico, povero, meno capace, meno fortunato o altro.

4 visualizzazioni
  • Facebook Social Icon
  • YouTube Icona sociale
  • Instagram Icona sociale
  • Linkedin Zaira Salemi
Dr.ssa Zaira Salemi
Psicologa Psicoterapeuta
a Milano e On Line
cell. 333 6138658  - info@zairasalemipsicologa.com
copertina minicorso png.png